venerdì 23 marzo 2018

Mostra "Gatti Neri Gatti Bianchi"

Mostra "Gatti Neri Gatti Bianchi" | dal 17 febbraio al 31 marzo in mostra | Spazio Fumetto Eventi a Milano
Il percorso espositivo è dedicato ai gatti neri e bianchi più famosi:
- il celebre gatto nero che campeggiava sui manifesti Le Chat Noir, uno dei locali più celebri della Parigi di fine '800
- il gatto nero Felix
- Gambadilegno
- Krazy Kat, la gattina perdutamente innamorata del topo Ignatz
- il magico gatto Cagliostro delle strisce di Dylan Dog
- la micia Luna, fedele consigliera di Sailor Moon
- Figaro compagno di Geppetto e Pinocchio, poi diventato l'animale domestico di Minni.
- Plutone, il gatto nero di uno dei racconti più famosi dello scrittore statunitense Edgar Allan Poe
- Duchessa e Minou degli Aristogatti
- il gatto protagonista di Simon’s Cat.
- il mitico Silvestro
- il magico gatto Cagliostro di Tiziano Sclavi in Dylan Dog
- Luna, micia consigliera dell’eroina giapponese Sailor Moon
- il Gatto Pepè delle strisce create da Denis Battaglia
- e Due cuori e una gatta, divertente serial a fumetti ideato dall’italiano Stefano “Kaneda” Gargano.


giovedì 1 febbraio 2018

Fusa sotto il piumone

Così titola il corriere della sera parlando degli animali da compagnia che dormono nel lettone, secondo una ricerca di Eurispes. «Non si dovrebbe, per ovvie questioni di igiene, ma capiamo che si finisca per cedere e farli salire», è il saggio commento di Marco Melosi, presidente della associazione nazionale medici veterinari. "

Ecco cosa dice Eurispes nel suo Rapporto Italia 2018:



AMICI ANIMALI: 3 ITALIANI SU 10 VIVONO CON UN ANIMALE, OLTRE LA META' DEI PET DORME NEL “LETTONE"
3 famiglie su 10 accolgono un pet, soprattutto cani (63,3%) e gatti (38,7%). In un caso su due dormo nel “lettone” con i padroni che sacrificano anche buona parte del loro tempo libero per accudirli. Aumenta chi spende da 51 a 100 euro mensili per le esigenze degli animali domestici (31,4%, erano il 15,4% nel 2017).
Circa 3 italiani su 10 accolgono un animale domestico in casa (32,4%). Si tratta nella maggior parte dei casi di cani (63,3%) e gatti (38,7%). A seguire nella graduatoria dei pet che ci fanno compagnia in casa: uccelli (6,2%), conigli (5,9%), tartarughe (5%), pesci (4,8%). Dormire con il proprio pet è un’abitudine diffusa (53,5%); la stessa quota di intervistati sacrifica una buona parte del proprio tempo libero per il benessere e le necessità del suo amico animale (passeggiate, gioco, attività all’aperto, ecc.). Il 46,2% di chi ha un animale domestico rinuncia in alcune occasioni ad uscire o a fare un viaggio per non lasciarlo solo. Meno diffusi sono l’abitudine di preparare i pasti con alimenti freschi piuttosto che offrire cibo per animali già pronto (37,3%) e ridurre le spese personali in favore di quelle per il proprio animale (32,8%).
Cibo, vaccini e spese veterinarie in generale, pulizia: il 57,7% di chi possiede un animale domestico mantiene al di sotto dei 50 euro le spese mensili per prendersene cura. Aumenta invece il numero di chi spende da 51 a 100 euro mensili: il 31,4%, erano il 15,4% nel 2017.
Il mio Bonbon fa dei "giretti"sotto le coperte ma non staziona mai per fare la nanna. Bubino sta appiccicato a me: testone sul cuscino, baffi fastidiosi, zuccatine e fusa. Poi si addormenta ma l'ingombro resta...
  

  

venerdì 19 gennaio 2018

Monza e Desio: pet in ospedale!

Condividiamo da ENPA Monza
🌈🐰🐶🐱🐹 Cane e gatto. In ospedale si può❣️ ❤️ 
Grazie al nuovo regolamento approvato il 13 Aprile 2017 da Regione Lombardia e dopo che a Novembre scorso Asst di Vimercate per prima ha aperto le porte dell’Ospedale di Vimercate, Carate Brianza, Giussano e Seregno ora anche a Monza e Desio gli animali di affezione sono i ”benvenuti” negli ospedali! ❤️ 
✅ Assicurare la continuità della relazione empatico-affettiva tra i degenti e i loro animali. 
✅ Generare dalla presenza degli animali un effetto motivazionale utile a superare le difficoltà in atto del degente.
✅ Tutelare il benessere psico-fisico degli animali in visita.

Come funziona
Per chi è ricoverato da più di 5 giorni, basterà rivolgersi a infermieri o medici di reparto per chiedere l'autorizzazione e compilare i moduli scaricabili online (vedi articolo linkato in fondo).
Si potranno portare soltanto cani, gatti e conigli (un solo animale per ricoverato o stanza).
Nelle 24 ore prima della visita obbligatorio shampoo antiparassitario all'animale e seguente spazzolatura. Chi porterà l'animale in ospedale dovrà essere maggiorenne e in grado di controllarlo. Obbligatorio il guinzaglio per i cani  e il trasportino per gatti e conigli e la documentazione sanitaria dell’animale
Divieti: portare gli animali nei bagni o vicino ai carrelli degli alimenti, della terapia, e nei posti in reparto in cui non ci sia stata espressa autorizzazione. Vietato anche presentarsi durante lo svolgimento di visite mediche o prestazioni sanitarie.
Dovesse l'incontro avvenire in aree in cui non serve l'autorizzazione (atrio di ingresso e sale di attesa CUP), si dovrà comunque avvisare il personale che fornirà un camice monouso.
Le richieste vanno indirizzate alla Direzione Medica di Presidio, possono essere consegnate a mano, via mail o via fax, o a mano presso la sede locale, nei giorni lunedì - venerdì esclusi festivi, 9:00 - 13:00.
E-mail: urp.desio@asst-monza.it oppure urp@asst-monza.it
Fax: Desio 0362 383 880 - San Gerardo Monza 039 233 9248
Maggiori informazioni e documenti da compilare:  qui per l'Ospedale di Desio,  qui  per l'Ospedale San Gerardo di Monza.

https://www.tisostengo.it/articolo/5a6085de6534ca04002a8d8d
Fonte: ASST Monza

lunedì 18 dicembre 2017

Gatti che fingono di essere digiuni

Bubino è molto abile nel commuovere tutti dando ad intendere che nessuno gli ha ancora dato la pappa. Questo messaggio trovato su facebook riassume bene la situazione:





Occhi meravigliosi

Come vedono i gatti?
NICKOLAY LAMM, artista e ricercatore, ce lo mostra sul suo blog.
Un esempio:


I gatti possono vedere 6-8 volte meglio in condizioni di scarsa illuminazione rispetto agli umani a causa dell'elevato numero di bastocelli e per la loro pupilla ellittica, la grande cornea e il tapetum. Il Tapetum lucidum - dal latino "tappeto lucido" - è uno strato riflettente posto subito dietro la retina. Riflette la luce verso la retina, aumentando la quantità di luce che può essere catturata dalla retina stessa. Questo aumenta la capacità visiva in condizioni di bassa luminosità.

Questi sono gli occhi magnetici di Bubino.





martedì 5 settembre 2017

Per Kilara: - un video tratto dal documentario con il narratore insieme ad un leopardo nebuloso
e qui (con la pubblicità) tutto http://www.hddocumentary.com/bskyb-big-cats-an-amazing-animal-family-1of2-hdtv/

domenica 3 settembre 2017

Stasera su RAI 5 il mondo dei felini

RAI 5: IL PIANETA DEI FELINI

Due miniserie in prima visione che Rai Cultura propone stasera alle 21.15.

I segreti dei felini saranno svelati dal biologo Patrick Aryee.
In “Cats: il pianeta dei felini” Aryee si avventura nei luoghi più inospitali del pianeta per esplorare quanto sia numerosa questa famiglia e quale sia il suo albero genealogico che ha, per tutti, un unico antenato – un predatore simile alla odierna pantera – vissuto nelle steppe asiatiche 11 milioni di fa.
Il racconto ha inizio nel Sud est asiatico, nella giungla della Thailandia dove vive il misterioso leopardo nebuloso, e prosegue nelle regioni innevate del nord: qui la maestosa tigre siberiana si è adattata a uno dei luoghi più inospitali del pianeta. Poi, l'immensa savana africana dove regna il leone. E ancora, il gatto dorato del Borneo, il caracal dagli occhi buffi e il gattopardo africano che grazie a un udito sensibile riesce a localizzare i minuscoli roditori della pianura africana.

"Io e la mamma ce lo guardiamo insieme a Bonbon!"


Alle 22.00 seguirà “Monkeys: il pianeta dei primati”, un viaggio fra Americhe, Africa e Asia alla scoperta delle specie più dispettose e carismatiche dei nostri antenati, i primati, per riflettere anche su molti aspetti del nostro comportamento sociale e individuale. Prima tappa è il sud-est asiatico, dove la famiglia dei primati fa la sua comparsa milioni di anni fa dando origine a quattro distinti gruppi tassonomici. Si parte dalla Thailandia, dove il funambolico gibbone vive sugli alberi, poi il tarsio delle Filippine, un piccolo predatore notturno i cui occhi si sono evoluti a dismisura, il macaco del Sulawesi che ha sviluppato un complesso linguaggio per comunicare rango sociale e relazioni familiari, e la femmina dell'orangutango dallo spiccato senso materno.

(dal sito di RAI 5)